Come

L’ azione principale è quella di un laboratorio il cui obiettivo è quello di avvicinare le persone al teatro attraverso un processo creativo che ha il compito di innescare meccanismi positivi di relazione, di valorizzare la capacità critica e di liberare l’energia creativa troppo spesso inghiottita dalla monotonia della quotidianità. In altre parole formare lo spettatore consapevole, capace di proiettare un nuovo sguardo sul teatro e sul mondo, nel tentativo di comprendere coscientemente la realtà che ci circonda.

L’ azione principale è quella di un laboratorio il cui obiettivo è quello di avvicinare le persone al teatro attraverso un processo creativo che ha il compito di innescare meccanismi positivi di relazione, di valorizzare la capacità critica e di liberare l’energia creativa troppo spesso inghiottita dalla monotonia della quotidianità. In altre parole formare lo spettatore consapevole, capace di proiettare un nuovo sguardo sul teatro e sul mondo, nel tentativo di comprendere coscientemente la realtà che ci circonda.

Per partecipare al gioco-teatrale è necessario in qualche modo fare dono di sé, esprimendo gli strati più intimi dell’essere, che scaturiscono in una comprensione profonda dei limiti e delle debolezze ma anche delle risorse inaspettate e nascoste, senza perdere di vista l’indole e l’istinto.

Il risultato ottimale è quindi quello di sorprendersi per quello che è si riusciti ad ottenere inaspettatamente, e di sentire, infine, la voglia di salire sul palcoscenico, partecipando a quel gioco di inattese emozioni che si chiama teatro.